Archive for ottobre, 2011

26 ottobre 2011

Acqua

Stasera ho fatto un’altra foto…
La posto qui ma non su flickr perché non mi piace proprio…

 

Photobucket

Annunci
Tag:
25 ottobre 2011

Chestnut Love

Chestnut Love by Kahlan_♥

Una delle cose che amo di più dell’autunno sono le castagne!
Mi piacciono da morire e ora ho scoperto che sono anche fotogeniche! 🙂

In seguito una carrellata delle altre foto che ho realizzato dopo un pomeriggio passato a studiare diritto urbanistico (e qui stendiamo un triste velo)…

 

Chestnut Love-5

Chestnut Love-4

Chestnut Love-3

Chestnut Love-2

Chestnut Love

PS. Ho fatto un pasticcio con la firma… Vabbè… capita… 😦

17 ottobre 2011

Adventures

Adventures-10

Adventures-9

Adventures-8

Adventures-7

Adventures-6

Adventures-5

Adventures-4

Adventures-3

Adventures-2

Adventures

Tag:
17 ottobre 2011

Time for make up

Time for make up-3

Time for make up-2

Time for make up

 

Time for make up, a photo by Kahlan_♥ on Flickr.

Ok che Cinzia è sempre alla ricerca di nuove avventure in giro per il mondo…
Ma è pur sempre una dolce pulzella… Ci tiene al suo aspetto, eh!
Eccola alle prese con il make up! 🙂

Tag:
12 ottobre 2011

Cinzia

Cinzia-3

Cinzia-2

Cinzia

Ho deciso che questa fatina sarà un po' il mio alter ego, la mia mascotte...
Da qualche parte ho letto che Cinzia è la fata protettrice degli animali selvatici, per cui ho deciso di chiamarla così...
Tag:
4 ottobre 2011

Mucca

Una delle mie foto di cui mi sento particolarmente soddisfatta…

E non perché credo che meriti il Pulitzer per la fotografia… No no! Assolutamente! Non sono impazzita fino a questo punto…

So che un occhio esterno probabilmente la vede come una foto inutile e vuota…

Però a mi piace lo stesso! E se avrete la forza di volontà di leggere queste poche righe capirete il perché… [Dai… non ci credo nemmeno da sola che qualcuno possa avere interesse a leggere queste cretinate… Quindi cambio la mia frase: Se fra qualche anno mi verrà voglia di sfogliare questo diario fotografico – nel frattempo spero di essere diventata bravissima XD – rileggendo queste poche righe capirò perché questa foto mi piaceva]

Dunque… Questa foto mi piace perché, anche se non mi ritrae parla di me… E mi suscita, quindi, pensieri ed emozioni. Che poi sarebbero le cose che mi interessa ritrovare in una foto.

Questa mucca parla di me innanzitutto perché è un regalo del mio Momino… Regalo per i nostri 6 anni e mezzo [tanti auguri a noi 😀 Tanti auguri a noi ♥ ]… E già questo è un motivo che mi fa preferire questa foto.

Poi la amo perché è un salvadanaio [e quindi?] …e quindi è un po’ come se rappresentasse il mio mezzo per realizzare i miei piccoli sogni…
Perché… diciamocelo… i soldi non creano la felicità, ok… Però senza tanti piccoli sogni non potremmo realizzarli…
Penso innanzitutto alla mia Lady P. che spero sia mia prima possibile…
Penso agli innumerevoli viaggi che vorrei fare e a quelli che non ho potuto fare…
Penso ai regali che vorrei fare alle persone a cui tengo…
Penso a tutte queste cose… e penso che nel mondo in cui viviamo (ma forse è sempre stato così) anche i sogni hanno un prezzo… è triste, ma è così!
Il mio salvadanaio mi aiuta a sognare… e cosa c’è di più bello… di più vitale… di più speciale e unico dei sogni?
Inserire anche solo una piccola monetina nella fessura (come nella foto) mi fa pensare che in fondo ho fatto un passino in più verso il mio obiettivo…
Poco importa se qualche giorno devo svuotare il pancino della mia mucca per altri motivi: pazienza… Il bello dei sogni è che, se sono veri e forti, nulla può spazzarli via.

Infine questa foto mi piace per la post-produzione…
Nonostante me la cavi abbastanza con photoshop, non riesco sempre a fare delle post-produzioni che mi convincano… è una cosa sulla quale devo ancora lavorare…
Questa però, mi piace… Mi piace per i toni così luminosi, l’annullamento della dominate giallastra della luce (nonostante avessi impostato il bilanciamento del bianco) e le macchie viola della mucca (che mi ricorda tanto quella della Milka… Mi piace per la riduzione del rumore (che però non rovina la foto) e delle parti bruciate dovute alla luce (nonostante abbia scattato senza flash)…

…e siccome stasera mi sento particolarmente ispirata ho deciso di farvelo vedere questo originale…

 

3 ottobre 2011

Doni

Doni by Kahlan_♥

Gli chiese di immaginare di avere vinto un concorso per cui ogni mattina una banca gli avrebbe accreditato sul conto 86.400 dollari. Ma ogni gioco ha la sue regole, e quello ne aveva due:
«La prima è che tutto quello che non hai speso durante
la giornata viene tolto dal conto la sera, non si può barare, non puoi trasferire i soldi su un aitro conto, non devi far altro che spenderli, ma ogni mattina al tuo risveglio, la banca ti apre un nuovo conto, con altri 86.400 dollari, per la giornata. Seconda regola: la banca può interrompere il gioco senza preavviso; in qualsiasi momento può dirti che è finito, che chiude il conto e che non ce ne sarà un aitro.
Che cosa faresti?»
[…]
Lui rispose sinceramente che avrebbe speso fino all’ultimo dollaro per viziare se stesso, o per fare i regali alle persone che amava. Avrebbe fatto in modo di utilizzare ogni
quarto di dollaro che la banca magica gli offriva, per
portare felicità nella sua vita e in quella di coloro che lo
circondavano, «anche di quelli che non conosco, perché
credo che non riuscirei a spendere 86.400 dollari ai giorno
solo per me e per i miei amici. Ma dove vuoi arrivare?»
«Questa banca magica, rispose lei, l’abbiamo tutti; è
il tempo! È la cornucopia dei secondi che si sgranano.
Ogni mattina al risveglio, ci vengono accreditati 86.400 secondi di vita per la giornata e quando la sera ci addormentiamo non c’è riporto su un conto nuovo, il tempo che durante la giornata non è stato vissuto si perde, ieri è passato.
Ogni mattina questa magia ricomincia, ancora una volta ci vengono accreditati 86.400 secondi di vita. Però giochiamo con una regola inevitabile: la banca può bloccare il conto in ogni momento, senza preavviso. La vita può fermarsi in qualsiasi momento. Perciò che cosa ne facciamo dei nostri 86.400 secondi quotidiani? Non sono più importanti dei dollari?»

[Se solo fosse vero]